Elettrotecnica – la mente della casa

Indipendentemente dalla dotazione tecnica, tutti i clienti hanno in comune un’aspirazione: il desiderio della migliore soluzione individuale. L’automazione dell’abitazione dovrebbe funzionare senza problemi, deve essere semplice e facile da azionare.

A prescindere che un cliente sia portato o no per la tecnica. La consulenza degli specialisti elettrici assume, quindi, un ruolo centrale. Ciò vale anche nell’era delle connessioni a Internet; anzi la sua importanza è addirittura superiore. Infatti, tanto più le soluzioni tecniche diventano complesse, tanto più cresce l’esigenza di consulenza. Per paura di cadere in balia della tecnologia, i sistemi più moderni come la domotica non si sono ancora del tutto radicati. Tuttavia, a detta dello specialista, si possono spazzare via pregiudizi e preoccupazioni tramite una maggiore informazione; così facendo crescerà sensibilmente anche la domanda di automazione negli edifici.

La domotica nelle nuove costruzioni…

L’automazione è più frequente negli edifici di nuova costruzione. È, perciò, importante che lo specialista elettrico informi il padrone di casa sull’intera gamma di possibilità. Da qui parte l’intera pianificazione. Usando la lungimiranza e la costruzione modulare, sarà possibile ampliare gradualmente la dotazione anche successivamente.

… e nei vecchi edifici

Qualcosa si può modificare anche in fase di ristrutturazione. Dipende da quali installazioni sono già disponibili e con quali sistemi si deve operare. Se si è costruito con lungimiranza, esistono delle tubazioni di riserva. In assenza, si può sempre tentare di far passare i cavi nelle tubazioni disponibili e di installare i comandi in maniera decentralizzata, ad esempio nelle cassette di derivazione già esistenti. Se anche questo non fosse possibile, c’è sempre l’efficace alternativa del telecomando. Per questo metodo è estremamente importante fare esaminare le caratteristiche della costruzione da un esperto, così da prevedere a tempo debito l’impiego di dispositivi riceventi e ripetitori.

La casa intelligente

Un ulteriore vantaggio dell’automazione degli edifici è il ridotto consumo energetico. Per esempio, è possibile risparmiare sui costi dell’elettricità spegnendo con un unico pulsante tutti gli apparecchi non utilizzati. Oppure si possono orientare le persiane verso il sole, in modo che d’estate non si debba consumare energia supplementare per raffreddare la casa. Viceversa, d’inverno si può usare il sole per riscaldare le stanze. Una tecnologia razionale, dunque, grazie alla quale il termine di «casa intelligente» può essere applicato al 100%.

Chiudi l’articolo
27. aprile 2015
Potrebbe interessarti anche questo articolo