Buoni consigli per investire nel futuro

I bassi tassi ipotecari e la stabilità dei costi di costruzione fanno sì che le ristrutturazioni e i risanamenti proliferino. Vale la pena investire nella casa di proprietà. E chi decide di farlo dovrebbe coinvolgere prima possibile anche l’elettricista, perché una progettazione lungimirante vale letteralmente denaro contante. Inoltre, nel caso di riattamenti di piccola entità, egli potrebbe perfino coordinare l’insieme dei lavori che ruotano attorno al cantiere. Così facendo, si evitano tempi morti e ci si assicura che gli investimenti siano redditizi a lungo termine.

Un progetto giusto sin dall’inizio

Nel caso di una nuova costruzione, oggi ci si pone inevitabilmente la questione di un maggior comfort abitativo e di quale sia la soluzione migliore per ottenerlo. Le possibilità sono innumerevoli: impianti d’illuminazione, sistemi di sicurezza o anche semplicemente il piacere quotidiano di godersi i mezzi di comunicazione oggi si possono gestire comodamente premendo il pulsante di un sistema intelligente. Ciò non garantisce solo un miglior benessere domestico, ma accresce anche l’efficienza energetica, facendo risparmiare soldi a lungo termine. E pure chi all’inizio vorrebbe rinunciare a queste tecnologie, dovrebbe comunque prevedere un numero sufficiente di tubazioni vuote. In questo modo, sarà molto più facile attrezzarsi in un secondo momento, qualora le esigenze dovessero mutare.

Ristrutturazione senza ritardi

Anche nel caso di una ristrutturazione o di un rinnovamento edilizio vale la pena stabilire le possibilità di potenziare l’elettrotecnica. Se in fase di costruzione era già stato previsto un numero sufficiente di tubature vuote, la cosa è piuttosto facile. Ma anche se non ci sono condotte vuote disponibili, l’elettricista conosce le soluzioni per cablare l’edificio in modo intelligente. Ad esempio, si possono aprire nuove linee nei battiscopa, nelle nicchie dei termosifoni oppure nelle canne fumarie dismesse. E se anche questo non fosse possibile, in alternativa c’è pur sempre la soluzione via telecomando: non c’è bisogno di rompere le pareti né di posare nuovi tubi. Comunque, anche in questo caso, non si può fare a meno di ricorrere tempestivamente alla consulenza dello specialista, affinché la collocazione di ricevitori e ripetitori sia progettata con intelligenza.

Occhio alla scelta dell’apparecchio

Oltre al tipo e alla forma del collegamento, è fondamentale anche la scelta degli apparecchi giusti. In fondo, elettrodomestici quali la piastra di cottura, la lavastoviglie ecc. sono responsabili di gran parte del consumo energetico. Quindi, assieme all’elettricista si dovrebbero individuare subito quelli che consumano meno, allo scopo di proteggere sia l’ambiente che il borsellino. Infatti, con gli apparecchi giusti si possono risparmiare un bel po’ di soldi. Ad esempio, una piastra a induzione consuma circa il 30% in meno di un comune fornello elettrico, perché il calore non viene sviluppato sul piano cottura ma direttamente sul fondo della pentola. Un’altra opzione è quella di montare una pompa di calore oppure di usare il teleriscaldamento. Con questo sistema si può risparmiare molta energia, ad esempio se la lavastoviglie viene alimentata direttamente con acqua calda e perciò non deve più riscaldare autonomamente l’acqua fredda.

Sapere quel che si vuole

Al momento di scegliere le svariate possibilità relative alla tecnica edilizia e alla scelta della soluzione più giusta, non ci si dovrebbe scordare di mettere al centro dell’attenzione le esigenze individuali dei futuri abitanti. È questa la ragione per cui all’inizio di ogni nuova costruzione o ristrutturazione si dovrebbero chiarire i bisogni con l’elettricista. Infatti, solo chi sa cosa vuole può essere consigliato in maniera ottimale e si possono prendere le decisioni corrette per quanto riguarda il comfort abitativo, la sicurezza e l’efficienza energetica tra le pareti di casa. Dopotutto, a cosa serve il miglior contesto di mercato se poi non si trae alcun beneficio? Di conseguenza, chi non vuole ritrovarsi superato, dovrebbe attivarsi subito affinché la sua abitazione sia anche in futuro il luogo dove egli si sente più a proprio agio.

Chiudi l’articolo
11. febbraio 2019
Potrebbe interessarti anche questo articolo