E protezione sia

Il crepuscolo o l’oscurità offrono ai ladri le condizioni ideali. Meglio allora potenziare l’illuminazione esterna alla casa? Meglio di no. Infatti, non è solo la luce a scoraggiare i malintenzionati. La migliore prevenzione è fornita da una combinazione di diversi sistemi di sicurezza.

Alla base c’è l’impianto d’allarme

Il classico tra i sistemi di sicurezza è sicuramente il sistema d’allarme. È efficace per la sicurezza ed è adatto anche ai piccoli budget. Se c’è un tentativo di effrazione, vari sensori reagiscono e scatta l’allarme. A prescindere dal fatto che risuoni il segnale acustico o che venga avvisata un’agenzia di sicurezza: il tentativo non passa inosservato e i ladri si danno alla fuga.

Fermatevi o si accende la luce!

I sensori di movimento sono un mezzo efficace per evitare tentativi di effrazione nell’oscurità o al crepuscolo. La spia di movimento accende un faro non appena si avvicina una fonte di calore, che si tratti di una persona o di un’automobile. Negli edifici commerciali questo effetto può essere rafforzato tramite un’illuminazione accecante. Una lampada stroboscopica, estremamente chiara dà l’allarme visivo. Ma è uguale che il sensore di movimento accende una potente lampada o una luce normale: il suo posizionamento deve tenere conto di una pluralità di fattori. È importante che il raggio d’azione finisca prima del marciapiede più vicino, altrimenti il sistema reagisce ad ogni passante. Lo specialista elettrico sa quali fattori vanno considerati e qual è il luogo ideale per il montaggio, così si può installare il sensore in modo giusto e mirato. La competenza dello specialista fa risparmiare molto tempo e arrabbiature al padrone di casa … e naturalmente anche denaro.

Sempre qualcuno a casa

Il principio della simulazione di presenza rappresenta un ulteriore passo avanti. Come dice il nome, il sistema dovrebbe risvegliare l’impressione che ci sia sempre qualcuno a casa. Le applicazioni di questo tipo vanno dalle più semplici fino ai sofisticati sistemi di vario prezzo che forniscono un elevato grado di sicurezza.

Dai modelli di base …

La forma più semplice di simulazione di presenza sono le lampade che si spengono e si accendono tramite un timer. Questo metodo è a buon mercato ed è adatto anche a successive estensioni. Secondo la polizia, comunque, prima o poi i ladri scoprono questa tattica.

... ai sistemi professionali

Al contrario, una simulazione di presenza completa movimenta anche le tapparelle, accende il televisore e la radio in modo mirato e attiva il sistema d’irrigazione in giardino. I sistemi particolarmente intelligenti registrano anche le abitudini dei residenti e le riproducono durante la loro assenza. In questo modo i malintenzionati non riescono a valutare la situazione e lasciano perdere. Per trovare il modello più adatto alla propria abitazione, ci vuole l’esperienza di uno specialista elettrico. Se la simulazione di presenza va cablata, ciò deve essere preso in considerazione al momento di posare le tubazioni. Questo a sua volta richiede un coinvolgimento precoce degli esperti. La competenza degli specialisti apre la strada alla miglior soluzione personalizzata e garantisce una sensazione di sicurezza. E ciò è estremamente importante: i soldi investiti in un buon sistema sono ben spesi.

Sorveglianza filmata

Una sorveglianza audiovisuale non è consigliata solo per le grandi strutture alberghiere o per gli edifici industriali, ma anche per le case unifamiliari. Le telecamere trasmettono immagini e suoni via cavo o via radio. Queste possono essere analogiche, come per esempio tramite video registratore oppure digitali su registratore hard disc.

Deterrenza e registrazione

Le telecamere come strumento di sicurezza hanno due funzioni. Innanzitutto: i potenziali malintenzionati si comportano diversamente se si accorgono che le loro azioni sono osservate. Spesso rinunciano al tentativo di effrazione. In questo caso il deterrente funziona come prevenzione. In secondo luogo: se qualcuno si avvicina comunque all’immobile con intenti criminosi, le registrazioni possono fornire preziose informazioni sull’identità della persona e sullo svolgimento dei fatti. Ciò vale anche per gli accertamenti in caso di vandalismo.

Doppia barriera

I punti di effrazione preferiti sono la cantina o le portefinestre e le finestre, che spesso sono poco sicure. Oltre alle barriere elettriche come le fines-tre a contatto, offrono una buona protezione anche le versioni meccaniche. Le porte possono venire rinforzate tramite serrature multiple o una lastra di legno supplementare. Maniglie bloccanti, dispositivi di sicurezza per le finestre o per le portefinestre e vetri di sicurezza diventano un vero ostacolo che porta via tempo. Questo può essere un fattore decisivo, perché l’esperienza della polizia dimostra che se gli scassinatori non entrano in casa nel giro di due o tre minuti, rinunciano al colpo. Una combinazione di sistemi elettrici e meccanici offre quindi la migliore protezione. E i rinforzi possono anche essere montati individualmente negli immobili esistenti. In questi casi lo specialista elettrico può essere d’aiuto mettendo a disposizione la propria esperienza. Infatti, egli sa che la sensazione di sicurezza non ha prezzo, mentre non è così per l’installazione dei sistemi necessari.

  • Dalla realizzazione del progetto da parte dello specialista elettrico (a destra) all’utilizzo da parte del padrone di casa.
    Dalla realizzazione del progetto da parte dello specialista elettrico (a destra) all’utilizzo da parte del padrone di casa.
Chiudi l’articolo
27. settembre 2015
Potrebbe interessarti anche questo articolo