Ogni generazione ha bisogno della sua rivoluzione, dice un antico proverbio. Un’affermazione adatta come non mai alla nostra era altamente tecnologica. Ricordiamoci che se ancora fino a pochi decenni fa l’unità di misura della comodità era la semplice presa di corrente in ogni stanza, oggi lo è un pannello centrale dal quale si controlla tutta la casa: illuminazione, impianto multimediale e sistema di sicurezza. Tra la generazione dei nostri genitori e l’odierna c’è stata una vera e propria rivoluzione tecnologica.

La domotica porta vantaggi

Le opportunità si moltiplicano se vengono colte. Chi allora procede a una semplice automazione dell’edificio, ad esempio per ragioni legate al comfort, in seguito sarà sorpreso di scoprire che così facendo ha ridotto anche i costi energetici. Per realizzare tutti questi progetti complessi in modo efficiente, sostenibile e a costi contenuti c’è bisogno della consulenza di un esperto. L’uomo giusto per questo lavoro è l’elettricista. Ogni sistema infatti – a prescindere dal livello di complessità e tecnologia – necessita di corrente elettrica. E dove scorre l’elettricità, è richiesta la competenza dell’elettricista.

Pianificare bene per ristrutturare bene

In altre parole: se la pianificazione è corretta, la ristrutturazione è sulla strada giusta. Infatti chi pianifica con lungimiranza, alla fine dispone di molte opzioni. La formula magica è: «Prevedere un numero sufficiente di tubature vuote». In una nuova costruzione, l’elettricista sa esattamente dove farle passare affinché un domani si possa procedere comodamente ad equipaggiarle. Modulo dopo modulo, sistema dopo sistema, seguendo la regola: collegare dapprima il riscaldamento e l’illuminazione, quindi aggiungere il sistema d’allarme e la centrale multimediale.

E se non ci sono tubi vuoti?

Anche in questo caso l’elettricista conosce le soluzioni o sa dove cercarle. Durante una ristrutturazione o un rinnovamento esse spesso si annidano nei vecchi battiscopa, nelle nicchie dei termosifoni, nelle tubature preesistenti o nei camini in disuso. Ci sono molte possibilità. E se dovessero essere tutte già sfruttate, c’è sempre la soluzione via onde radio. Il suo vantaggio: non bisogna posare cavi e neppure rompere i muri. Tutto quel che ci vuole sono i prodotti giusti e, naturalmente, le competenze specialistiche dell’elettricista. Egli conosce esattamente le prescrizioni legali, nonché le soluzioni e le tendenze più innovative.

Parola chiave: smart home

Ma a cosa serve in definitiva mettere in comunicazione tra loro i dispositivi e far interagire i sistemi? Le risposte sono molteplici (v. lista di controllo). Provate a immaginare: basta premere un tasto al momento di uscire dall’ufficio e – giusto il tempo di percorrere la via del ritorno – ci si ritrova in una dimora accogliente. La casa è già immersa nell’atmosfera luminosa perfetta, mentre risuona la musica preferita e la temperatura interna è al punto giusto. Ecco come ci piace rientrare a casa. Questo sì che è comfort!

Altrettanto gratificante è chiedersi se con un sistema così intelligente migliora anche il bilancio energetico. Ipotizziamo, ad esempio, che andiate in vacanza. Impostate, allora, la rispettiva modalità sul vostro smartphone e già il riscaldamento riduce il calore, le finestre si chiudono, le luci si spengono e il sistema d’allarme s’inserisce. Già di per sé l’interazione automatica e intelligente tra riscaldamento e aria condizionata è estremamente efficiente dal punto di vista energetico.

Sicurezza anche in vacanza

Una casa intelligente può fare anche di più. La simulazione di presenza fa in modo che la vacanza trascorra senza pensieri. L’azionamento delle imposte e dell’illuminazione interna trae in inganno i potenziali intrusi, simulando che in casa ci sia qualcuno. Se nonostante tutto si verificasse una visita indesiderata, essa verrebbe ripresa da una telecamera e – volendo – le immagini verrebbero inviate a un servizio di sorveglianza privato.

Nulla è impossibile

Non tutto, però, fa al caso vostro. Ecco perché c’è bisogno di una consulenza iniziale per definire le esigenze. Cosa voglio e in che quantità ne voglio? Una volta risposto a queste domande, l’elettricista può assistervi durante la ristrutturazione o la nuova costruzione, dalla progettazione fino ai controlli di sicurezza finali. In tal modo si farà attenzione all’interazione tra desideri dei clienti, specificità della costruzione, mezzi finanziari e prescrizioni legali. Il tutto all’insegna del motto: nessuna strada è troppo lunga se al vostro fianco c’è l’elettricista giusto.

Chiudi l’articolo
28. marzo 2018
Potrebbe interessarti anche questo articolo