Sicurezza per le persone e per la casa

La sveglia suona, la mano si allunga verso l’interruttore. E la luce ci riporta alla vita quotidiana. Poi si accende il tostapane, la macchina del caffè e lo spazzolino elettrico … Tutte cose che hanno bisogno di elettricità per renderci più facile la vita.

Contatti allentati a rischio incendio

La corrente elettrica è comoda, ma può anche diventare pericolosa nel caso di errata manipolazione e provocare incidenti e incendi. In particolare, se viene impiegata in modo improprio o affluisce all’interno di installazioni o dispositivi difettosi. È il caso dei contatti allentati. Oltre ad essere fastidiosi, essi rappresentano anche un vero segnale d’allarme e non vanno ignorati. Elettrodomestici con i contatti che traballano dovrebbero essere subito portati dall’elettricista, che poi deciderà se è possibile ripararli oppure se bisogna sostituire l’intero apparecchio.

L’installazione di piastre da cucina, lavastoviglie ecc. da parte di uno specialista costituisce la base per una casa sicura e in cui aleggia una buona atmosfera. Perché così viene garantito il rispetto di prescrizioni e norme di legge, come ad esempio l’Ordinanza sugli impianti a bassa tensione (OIBT). Può, comunque, succedere che anche gli apparecchi installati da professionisti evidenzino danni dovuti all’usura. Spesso i difetti sono difficili da vedere e perciò ancora più pericolosi. Infatti, l’elettricità non si può né vedere né sentire né tantomeno percepire con l’olfatto.

La guardia del corpo domestica

Ci sono diverse possibilità per ridurre al minimo il rischio di un’alimentazione elettrica sbagliata: l’interruttore differenziale vigila sull’equilibrio dei flussi di corrente in entrata e in uscita nel circuito. Se questo equilibrio viene a mancare, questo dispositivo di sicurezza reagisce e interrompe l’alimentazione entro 4 centesimi di secondo. Un tempo di reazione impossibile per gli esseri umani. Gli interruttori differenziali sono ormai obbligatori per le nuove costruzioni in Svizzera. E vale la pena farli installare dallo specialista elettrico anche negli edifici già esistenti. L’interruttore, infatti, funziona come una guardia del corpo previdente, che evita gli incidenti e può perfino salvare delle vite. Così facendo si protegge sia la casa che i suoi abitanti.

Sicurezza grazie allo specialista

Oltre agli interruttori differenziali, la migliore prevenzione è costituita dalla sensibilizzazione alle fonti di pericolo e da un’ispezione regolare da parte di un esperto qualificato. Secondo le modifiche contenute nell’Ordinanza sugli impianti a bassa tensione, dal 1° gennaio 2002 il padrone dell’abitazione è responsabile dell’esecuzione di una manutenzione professionale.  Queste prove di sicurezza (SiNa) prescritte per legge fanno parte dell’Ordinanza sugli impianti a bassa tensione (OIBT) e contribuisce in modo significativo alla sicurezza delle abitazioni. Ciò vale anche quando vengono riprese misure di sicurezza preesistenti. Lo specialista elettrico controlla, tra l’altro, le prese di corrente e gli interruttori, gli apparecchi ad alimentazione elettrica come le piastre della cucina e la lavastoviglie, così come i fusibili di sicurezza. Dai rilevamenti emergono eventuali allacciamenti difettosi ed errori di isolamento. In questo modo il rischio viene minimizzato e la sensazione di sicurezza portata al massimo.

Sensibilizzare è importante

Se si vuole che la diffusione dei sistemi di sicurezza continui ad aumentare, c’è bisogno di informazione. Come per molti altri settori, anche per la prevenzione degli incidenti elettrici e degli incendi si potrebbero evitare molti sinistri tramite un’informazione approfondita e una sensibilizzazione sul tema.

Dove c’è fumo, di solito c’è fuoco

Se dovesse svilupparsi un principio d’incendio nonostante tutte le precauzioni, un rilevatore di fumo potrebbe evitare il peggio. Tuttavia, molte persone credono ancora di poter notare in tempo l’acre odore del fumo e adottare subito le contromisure necessarie. Si tratta di un errore pericoloso, perché quando si dorme l’olfatto è disattivato o al massimo «in pausa», a seconda della profondità del sonno.

La ricerca del prodotto giusto

Per quanto riguarda i rilevatori di fumo, il mercato offre una gran varietà di prodotti: sistemi d’allarme che reagiscono alle alte temperature o che fanno scattare l’allarme in caso di rapido aumento della temperatura e cosiddetti rilevatori di fumo ottici o fotoelettrici. Questi ultimi sono molto efficaci perché reagiscono quando il raggio luminoso incontra particelle di fumo nell’aria. Orientarsi in questa giungla di prodotti è difficile. Ci vuole quindi la competenza dell’esperto, che offre una consulenza individuale e adatta alle peculiarità dell’immobile. Affinché tra le proprie quattro mura non ci si senta soltanto a proprio agio ma anche al sicuro.

Ma chi c’è dietro la porta?

A questa sensazione di sicurezza può contribuire anche la video-sorveglianza. Combinata con un sistema di citofonia, offre la protezione ottimale ed è anche comoda da usare da parte del padrone di casa. Così, prima di aprire la porta si può esaminare qualsiasi visitatore. In caso di dubbio o di visita indesiderata, si lascia semplicemente la porta chiusa. Specie in una casa con bambini, è importante avere una sicurezza supplementare.

Sicurezza a portata di tasto

Si può percepire la sicurezza direttamente sulla pelle. E ciò grazie a un bracciale d’emergenza. In questo modo le persone anziane, che a volte si sentono insicure in casa, possono richiedere aiuto semplicemente premendo un pulsante, a prescindere da che tipo di urgenza si tratti. Si può perfino personalizzare il sensore integrandolo con un rilevatore di fumo o con un sensore che rileva le cadute. Questi sistemi di sicurezza sono disponibili in diversi modelli, l’importante è che questi «aiutanti» trasmettano una sensazione di sicurezza e quindi che mantengano alta la qualità della vita. Una consulenza professionale è il primo passo in questa direzione.

Chiudi l’articolo
27. settembre 2015
Potrebbe interessarti anche questo articolo